Squadre

Giuseppe Bruno alla ricerca del rilancio

Il talentuoso difensore classe 2001 è pronto a tornare in auge dopo un lungo periodo contrassegnato dagli infortuni.


Fu uno dei primi calciatori della sua annata ad esordire in Eccellenza ad appena 16 anni, dimostrando malgrado la giovane età una notevole dimestichezza con la massima categoria regionale. Ciò permise a Giuseppe Bruno di sfoggiare tutto il suo dinamismo da difensore esterno intraprendente, qualità che purtroppo non è riuscito a manifestare con continuità nell’arco dell’ultimo campionato a causa di molteplici situazioni sfavorevoli che lo hanno tenuto lontano dai campi per un periodo di tempo alquanto prolungato: <Nel luglio scorso venivo da un’operazione di rimozione del menisco – dichiara Bruno – in seguito feci molta fisioterapia per ritrovare la condizione tuttavia l’impiego sporadico successivo ed altri fattori portarono all’emersione di guai muscolari che rallentarono la ripresa ottimale. A tutto questo si sono aggiunti dei problemi di salute legati al covid i quali mi hanno tenuto out fino al termine della stagione. Comunque gli accertamenti a cui mi sono sottoposto hanno dato esiti positivi e i medici mi hanno dato il via libera. Sia dal punto di vista respiratorio che articolare sono pienamente recuperato>.


Ora il duttile difensore azulgrana ritroverà Adriano Baroni alla guida tecnica della prima squadra (il mister lo allenò ai tempi degli Allievi Regionali A) e questa potrebbe risultare l’occasione propizia del rilancio definitivo: < con “mister Baro” ho bellissimi ricordi; quell’anno assieme rappresentò uno snodo cruciale per la mia carriera calcistica. Si è rivelato l’allenatore che mi ha fatto crescere maggiormente nelle giovanili. Di fatti è anche grazie a lui se ho compiuto il salto diretto dagli Allievi alla prima squadra. All’epoca mi colpì molto la sua etica del lavoro e l’attenzione riservata alla crescita dei giocatori>.


Lo stesso tecnico si è detto entusiasta di poter riabbracciare il giocatore: < già anni fa intravedevo in lui qualità tecnico-tattiche intriganti ed un ottimo potenziale. Nelle ultime due stagioni è stato sfortunato; questa potrebbe essere l’opportunità della sua consacrazione. È un calciatore eclettico sul quale conto parecchio: sono molto fiducioso>.